Gnatologia

La gnatologia è la branca dell’odontoiatria che studia e cura, sotto tutti gli aspetti anatomico-funzionali, l’apparato masticatorio.
Esiste una stretta relazione tra il corretto contatto tra le due arcate dentali, i muscoli mandibolari, le ossa cranio-mandibolari e l’apparato posturale dell’individuo: la gnatologia si occupa proprio di studiare e ripristinare il corretto equilibrio tra questi distretti risolvendo la sintomatologia che ne deriva.

Fisiologicamente il movimento della mandibola avviene in maniera libera, isotonica, senza andare così ad affaticare le strutture ad essa annesse, nei casi di malocclusione (scorretto ingranaggio dei denti delle due arcate) e/o di disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare però questo movimento non è più isotonico con frequenti disturbi alla fonazione, all’udito e alla postura, oltre a comparsa di dolori, tensioni e limitazioni funzionali.
 Dopo un’accurata anamnesi e diagnosi si valuterà la necessità e il tipo di terapia. Fondamentale in questi casi fare una diagnosi prima di tutto!
Solo tramite questo iter sarà possibile correggere la causa del problema reversibilmente mediante placche occlusali (o bite, una placca in resina rigida che migliora la chiusura delle arcate dentarie e ristabilisce la loro posizione corretta), oppure direttamente con correzioni occlusali.

In quest’ultimo caso la scelta terapeutica sarà, a seconda della gravità del caso, tra:
• bilanciamento
• restaurativa
• ortodonzia
• chirurgia (casi molto gravi)

In generale, in presenza di mal di testa frequenti, dolori articolari, acufeni, limitazioni funzionali è sempre consigliabile rivolgersi al proprio odontoiatra o ad uno specialista in gnatologia clinica.

Bruxismo

Un’abitudine orale viziata che consiste nel movimento involontario ritmico o spasmodico, non funzionale, di digrignamento, sfregamento o serramento dei denti, in movimenti non masticatori della mandibola, che può condurre a trauma occlusale.

Una causa frequente per l’usura dentale, la mobilità dentale, le fratture dentali, le esostosi alveolari, il dolore muscolare e il mal di testa (anche frequente ed intenso) è lo schema nocivo di serramento e digrignamento aberrante chiamato bruxismo. La relazione tra bruxismo e stress fisico è stata provata da molti ricercatori dal momento che sembra un’intensificazione dell’attività muscolare masticatoria durate i periodi di stress.

Si distinguono principalmente due tipi:
• serramento (bruxismo centrico)
• digrignamento/sfregamento (bruxismo eccentrico)

All rights reserved © 2020.
Made in KRESCENDO Multimedia

Privacy Policy - Cookie Policy